Forte Focardo

Verso la fine del XVII secolo, il vicereame di Napoli in accordo col Regno di Spagna, memore dell'assedio vincente da parte dell'armata navale e terrestre francese, comandata dal De Nouailles,  mise mano alla edificazione di un baluardo difensivo sul promontorio,  che da quel momento prese il nome di Capo Focardo.

Forte Focardo

Esso fu rapidamente costruito per evitare ogni ulteriore pericolo, costituito da eventuali flotte da guerra nemiche che, al riparo dell' insenatura, potessero bombardare la fortezza di San Giacomo di Longone, porto strategico nel sistema difensivo dello Stato dei Presidi.

I due grandi assedi della metà del XVII secolo e le battaglie combattute sotto le mura della fortezza di Longone, diedero insegnamento e valido motivo agli Italo-spagnoli per la costruzione di un contrafforte dal quale fosse possibile bloccare, col tiro incrociato dei cannoni, qualsiasi tentativo di forzare l'insenatura di Longone e Mola.

Forte Focardo prese il nome dal suo costruttore, come recita l'iscrizione, in lingua spagnola, inserita nel portale interno: "Nell'anno 1678, regnando la maestà dell'invitto Carlo, Re delle Spagne, l'eccellentissimo Don Ferdinando Foxardo (...), ordinò di principiare questo forte, essendo Governatore della Piazza di Longone per Sua Maestà".




Capoliveri

Santuario della Madonna delle Grazie

Chiesa della Madonna della Neve
Chiesa Plebania di San Michele